fbpx

Trasporto sanitario: Toti e Viale mettono in croce le pubbliche assistenze.

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Toti e Viale vogliono togliere i servizi alle Pubbliche assistenze e alle Croci Rosse liguri, distruggendo un patrimonio storico e di alta professionalità, che ha quasi 200 anni. 

Nei mesi scorsi l’assessore alla Salute e il Presidente della Regione, davanti ai capigruppo liguri, avevano promesso di avviare due tavoli con Anpas e Croce Rossa italiana. Il primo per capire alla luce di alcune sentenze dei tribunali amministrativi, come evitare la gara imposta dalla normativa europea, per l’affidamento dei servizi di non urgenza, oggi gestiti dalla Pubbliche assistenze e dalle Croci rosse, in virtù non solo della loro ottimo servizio e della loro storia, ma anche rispetto al fatto che questi soggetti rappresentano sul nostro territorio un presidio civico di sicurezza e di educazione unico per i giovani. In caso non fosse stato possibile evitare la gara, era stato previsto un secondo tavolo con l’obiettivo di determinare la corretta impostazione del bando, in modo da scongiurare la logica del ribasso che, in altre regioni, ha portato ad affidare il trasporto sanitario a soggetti incompetenti ed equivoci. 

E così mentre Toti e Viale, in pubblico, assegnano generose pacche sulle spalle ai volontari delle Croci, Locatelli, calpestando il percorso di condivisione con le Pubbliche assistenze, lancia una consultazione preliminare di mercato propedeutica alla gara per l’affidamento dei servizi di trasporto interno di pazienti e materiale biologico per conto delle Asl locali e ospedaliere della Regione Liguria.

A questo punto è chiaro che il Presidente e l’assessore, non paghi di distruggere la sanità pubblica attraverso il taglio ai servizi e al personale, l’aumento delle liste d’attesa e delle fughe, adesso mettono nel mirino anche con le Pubbliche assistenze. Lo schema è sempre lo stesso: Viale e Toti, in tv e sui social network, rassicurano il mondo volontariato, poi però usano Locatelli per soffocarlo.

Daremo battaglia con tutti gli strumenti a nostra disposizione per salvaguardare un patrimonio sociale di inestimabile valore che rischia di essere cancellato. 

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla newsletter