fbpx

OK ALL’UNANIMITA’ ALL’ODG DEL PD CHE IMPEGNA LA GIUNTA A SOSTENERE LA GIORNATA PER LE VITTIME DELLE MAFIE ORGANIZZATA DA LIBERA

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Sostenere concretamente l’organizzazione della giornata del 21 marzo curata da Libera e prevedere con ogni mezzo il contrasto alla mafia e alle sue organizzazioni, attraverso azioni amministrative ed educative diffuse su tutto il territorio regionale. E’ questo l’impegno richiesto alla Giunta ligure dall’ordine del giorno presentato oggi in aula dal Partito Democratico e approvato all’unanimità dal Consiglio regionale. Il documento ricorda come la “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie” abbia ricevuto il voto unanime del Parlamento e che “gli istituti scolastici di ogni ordine e grado promuovono, nell’ambito della propria autonomia e competenza nonché delle risorse disponibili a legislazione vigente, iniziative volte alla sensibilizzazione sul valore storico, istituzionale e sociale della lotta alle mafie e sulla memoria delle vittime delle mafie”. L’appuntamento, ricorda l’ordine del giorno del Pd, è nato “al fine di conservare, rinnovare e costruire una memoria storica condivisa in difesa delle istituzioni democratiche. Per raggiungere questo obiettivo ai sensi della legge possono essere poi organizzati manifestazioni pubbliche, cerimonie, incontri, momenti comuni di ricordo dei fatti e di riflessione, nonché iniziative finalizzate alla costruzione, nell’opinione pubblica e nelle giovani generazioni, di una memoria delle vittime delle mafie e degli avvenimenti che hanno caratterizzato la storia recente e i successi dello Stato nelle politiche di contrasto e di repressione di tutte le mafie”. Proprio per questo, secondo il Partito Democratico, serve un impegno concreto da parte della Giunta a sostegno di quest’iniziativa. 

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

Welfare, il grande assente.

Vi ricordate una misura di welfare della giunta in Regione? No, non ce ne sono: perchè delle politiche sociali si sono occupati poco e male.

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla newsletter