fbpx

TRE PROPOSTE DEL PD IN COMMISSIONE PER MIGLIORARE IL SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Più servizi territoriali, un maggior coordinamento dei reparti di Pronto soccorso e una revisione del sistema delle medicine al San Martino. Sono queste le tre proposte avanzate oggi dal Partito Democratico, nel corso della Commissione regionale sulla sanità, che ha visto l’audizione dei primari dei Ps liguri.

“Visti i problemi che si sono riscontrati negli ultimi mesi, dal caos dovuto al picco influenzale fino alla penuria di barelle abbiamo colto l’occasione dell’audizione odierna per avanzare, come Gruppo Pd, tre proposte all’assessore Viale e a tutta la Giunta regionale. La prima proposta punta a mettere in atto un sistema territoriale, fra ambulatori, medici di famiglia e strutture residenziali post acute, che dia una puntale risposta ai cittadini sulla prima emergenza per le patologie meno gravi, in modo da non intasare i reparti di Pronto soccorso. La seconda ha come obiettivo creare un coordinamento (una capacità di governo integrata) dei Pronto soccorso genovesi, nei momenti di maggiore emergenza, affinché si riducano al minimo i disagi per i pazienti. In terzo luogo abbiamo proposto una revisione del sistema delle medicine al San Martino, per contrarre i giorni di degenza e aumentare la possibilità di ricovero. Abbiamo tuttavia espresso seri dubbi sulla riorganizzazione del Pronto soccorso del San Martino, che porterà a breve a individuare due strutture complesse laddove ce n’era una, dando vita non a processi di coordinamento sinergici, ma a ulteriori centri di divisione e di maggiore costo. Il vero problema, infatti, rimane innalzare l’occupazione dei posti letto del San Martino e ridurre i tempi di degenza”. 

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

La crisi più pazza del mondo

Una breve sintesi dei fatti della settimana attorno alla crisi di governo. Per capirne di più, anche se è complicato.

Ferragosto in carcere: visita alla casa di reclusione di Chiavari

Si dice spesso che è nelle prigioni che si misura il grado di civiltà di un paese. Abbiamo aderito all’iniziativa dei radicali e delle Camere Penali per verificare le condizioni di vita nelle nostre carceri, tra sovraffollamento, situazione sanitaria, condizioni delle strutture e del personale, effettività della funzione rieducativa della pena.

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla newsletter