fbpx

SULLA RIORGANIZZAZIONE DELL’ASL 4 L’ASSESSORE VIALE CONTINUA A NON ESSERE CHIARA E A NON INCONTRARE I SINDACI DELLA VAL PETRONIO

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

 

Sulla riorganizzazione dell’Asl 4, dopo oltre un anno e mezzo di governo regionale, la Giunta Toti continua a non fare chiarezza. Anzi, da una parte, in aula, l’assessore Viale sostiene che al momento non vi siano proposte, però poi, due giorni dopo, partecipa a un incontro promosso da chi vorrebbe depotenziare l’ospedale di Sestri Levante in favore di quello di Rapallo. Se ci aggiungiamo anche che i sindaci della Val Petronio chiedono (invano) di avere un incontro con Viale da un anno e mezzo, è chiaro che qualche dubbio sulla strategia della Giunta regionale appare quantomeno legittimo. Il comportamento dell’assessore alimenta i sospetti di chi teme una decisione calata dall’alto, senza alcun confronto con i territori. Mentre la riorganizzazione dell’Asl 4 andrebbe concertata con tutte le amministrazioni del Tigullio, per arrivare a una soluzione condivisa, che assicuri ai cittadini dei vari Comuni interessati servizi efficienti e una sanità di alta qualità. 

Facciamo così: se l’assessore Viale, come sostiene, sta ascoltando tutti e non ha ancora deciso, fissi un incontro con i sindaci della Val Petronio, altrimenti saremo tutti autorizzati a pensare il contrario.

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

Diritti, Futuro, Lavoro, Politiche di genere

Parità salariale. La nostra Proposta di legge regionale per l’equità retributiva

30 Luglio 2021
Secondo le rilevazioni del World Economic Forum sulla base dei dati di fine 2019 si stima che con il trend attuale la disparità politica fra

Politiche di genere, Salute

La nuova legge regionale sull’endometriosi

24 Giugno 2021
Diagnosi precoci, centri di riferimento, formazione del personale medico, campagne di sensibilizzazione. I contenuti della legge sul riconoscimento della rilevanza sociale dell'endometriosi

Salute

Liste d’attesa e COVID: Toti non ha speso 35 milioni di euro stanziati per rafforzare la sanità ligure.

13 Giugno 2021
Nel 2020 la Liguria non è riuscita a spendere il 60% delle risorse stanziate per l'emergenza Covid e il recupero delle liste d'attesa
Luca Garibaldi

Rimaniamo in contatto:
ricevi la mia newsletter "Cronache dal Consiglio"