fbpx

Solidarietà unanime a Liliana Segre. Al via l’osservatorio regionale contro l’odio e l’intolleranza

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

È stato approvato all’unanimità, con la firma di tutte le forze politiche del Consiglio regionale, l’ordine del giorno di solidarietà a Liliana Segre e che chiede la costituzione, in Regione Liguria, di un “Osservatorio regionale per il contrasto dei fenomeni di intolleranza e razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza”, che operi in sinergia con la commissione nazionale appena insediata. L’obiettivo dell’Osservatorio è studiare il proliferare nella nostra Regione di fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza, proponendo iniziative formative e legislative in materia e la segnalazione, agli organi di stampa e ai gestori dei siti Internet, di casi analoghi, richiedendo la rimozione dal web dei relativi contenuti e la loro deindicizzazione dai motori di ricerca.

Il via libera unanime a quest’ordine del giorno è un importante segnale di unità, nei confronti di una tema purtroppo molto attuale. Siamo felici che questo avvenga venti giorni prima della consegna, a Genova, del premio Primo Levi alla senatrice Liliana Segre, a cui va tutta la nostra solidarietà per le ingiurie di cui, anche in questi ultimi giorni, è stata vittima. Segre, con il suo attivo ruolo civile, riveste un ruolo fondamentale nella preservazione della memoria e nel contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza”.

La solidarietà a Liliana Segre è un atto dovuto dopo gli attacchi subiti. L’istituzione di questo Osservatorio è un atto di civiltà . Vigileremo in Consiglio regionale perché questo istituto possa vedere la luce nel più breve tempo possibile”.

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

Legge elettorale regionale. La destra nel caos.

Le divisioni del centrodestra stanno affossando la riforma della legge elettorale. Noi chiediamo che venga cancellato il listino e introdotta la doppia preferenza di genere. Chi ci sta?

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla newsletter