fbpx

Centro per l’impiego a Chiavari, finalmente qualcosa si muove.

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

A metà agosto i sindacati denunciano il rischio dello sfratto dall’attuale sede del centro per l’impiego, inadeguato. A queste ed altre richieste di chiarimento si reagisce subito con un rimpallo di competenze tra Regione, Comune e Città Metropolitana. Nel mezzo, la prospettiva è quella di un inevitabile caos ad inizio settembre, per lavoratori e utenti. E’ quindi una buona notizia il fatto che ieri si sia chiesta e ottenuta la possibilità di utilizzare degli spazi rimasti del nuovo Palazzo di Giustizia, per concentrare lì la nuova sede del Centro per l’Impiego. 

È lo stesso percorso avvenuto lo scorso anno con l’INPS: una denuncia del rischio di perdere l’ufficio (ricordo una mia interrogazione in Consiglio Regionale su questo), il Comune che, dopo molti ritardi, interviene e chiede lo svincolo dei locali che vengono concessi. 

L’importante è il risultato e meglio arrivarci tardi che mai sulle cose, ma sinceramente l’impressione, o meglio la certezza, è che il Comune (e Regione) abbia ormai questa tendenza a “metterci delle pezze” in emergenza, piuttosto che programmare. A volte si riesce a rimediare, in altri casi – vedi l’edilizia scolastica – no.

Ma il problema di una mancanza di un disegno per la città rimane.

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

Welfare, il grande assente.

Vi ricordate una misura di welfare della giunta in Regione? No, non ce ne sono: perchè delle politiche sociali si sono occupati poco e male.

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla newsletter