fbpx

Lavoro, ambiente, equità. Le chiavi della nuova manovra.

0
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Quando ad agosto di quest’anno è nato il nuovo Governo, i cittadini italiani rischiavano di dover pagare di tasca il conto del Papeete: 23 miliardi di tasse in più, cinquecento euro a famiglia, con l’aumento automatico dell’IVA dopo un anno e mezzo di scontri con l’Europa, aumento dello spread e politiche sbagliate.

A dicembre il nuovo Governo, grazie al lavoro del nostro partito e del Ministro dell’Economia Gualtieri, sta chiudendo una manovra economica in cui questo conto non viene pagato minimamente e si recuperano 23 miliardi di euro. Una manovra quindi che ha come pregio di mettere in sicurezza i conti dello Stato e i conti delle famiglie.

Ma non basta aver tolto dal tavolo, per i prossimi anni, la spada di Damocle dell’aumento dell’IVA. Per tornare a crescere nel Paese servono investimenti, ambientali e sociali: perché non c’è crescita senza equità.

Ed è per questo che la principale misura della manovra finanziaria è quella di aumentare le buste paga dei lavoratori dipendenti. In due anni 8 miliardi di euro di taglio al cuneo fiscale. Più soldi in busta paga: meno tasse, stipendi più alti.

L’altra grande misura riguarda gli asili nidi: 1 miliardo di euro per l’assegno universale per le famiglie, un contributo per rendere gratuiti gli asili nido per le famiglie a basso reddito ed un piano di investimenti per la realizzazione di nuove strutture.

Viene inoltre cancellato il superticket, di cui vi avevo parlato più volte: esami meno cari, e maggiore equità nell’accesso alle cure. Introdotte oltre 1200 borse di studio per gli specializzandi.

Dal lato degli investimenti, per rilanciare l’economia: sono previsti 4,4 miliardi di investimenti per un primo piano dell’economia green. 20 miliardi per le opere pubbliche e le infrastrutture, con un piano di rilancio degli investimenti. 9 miliardi destinati ai progetti egli enti locali.

Si tratta di una manovra equa, sostenibile e di rilancio per il Paese. Ora si tratta di vederne gli effetti e di continuare in questa direzione.

Dimmi la tua

Potrebbe interessarti anche...

Legge elettorale regionale. La destra nel caos.

Le divisioni del centrodestra stanno affossando la riforma della legge elettorale. Noi chiediamo che venga cancellato il listino e introdotta la doppia preferenza di genere. Chi ci sta?

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla newsletter